VAL DI FIEMME: LO SCI DI FONDO NEI TRACCIATI DELLA MARCIALONGA E DEL PASSO DI LAVAZÈ

Settimana bianca di fondo con accompagnatore nella stupenda Val di Fiemme, con i suoi tantissimi tracciati per gli amanti dello sci nordico, dalla Marcialonga, alle piste del Lavazè, fino agli anelli del Lago di Tesero. Ospiti dell’Hotel Azalea ci faremo coccolare dalla sua cucina bio e dal bellissimo centro benessere.

ECO-BIO HOTEL
Un’ospitalità attenta che viene dal cuore: una calda stretta di mano e un sorriso all'arrivo, una tazza di caffè equosolidale, spazi colorati dove rilassarsi, la sensazione di essere a casa, ma senza nostalgia dei posti lontani. Con questo spirito l'Eco Park Hotel Azalea cerca di divulgare l’amore per la natura e l’idea di ECO-turismo all’insegna del benessere. La cucina è sana e sostenibile: frutta e verdura biologiche, carne di produzione regionale, pane e dolci fatti in casa utilizzando farine biologiche acquistate presso piccole aziende agricole o mulini che macinano ancora a pietra. Al bar tra una tazza di caffè equosolidale, un veneziano o un kinder cocktail si possono scambiare due parole mentre nel pomeriggio vi vizieremo con la pasticceria. Per gli amanti della birra proponiamo il gusto dell'artigianale della Valle di Fiemme e per accompagnare il dopo cena gli infusi locali e la grappa trentina.

COSA NON PUOI PERDERTI IN VAL DI FIEMME
  • Un comprensorio di sci da fondo unico nel suo genere e per tutti i livelli
  • Ammirare panorami mozzafiato sulle Dolomiti del Latemar
  • Sentirsi come un campione del mondo sciando tra le piste della Marcialonga
  • Passeggiare per Cavalese prima di concedersi una classica birra artigianale della Val di Fiemme

FONDO “MONDIALE” IN UN PARADISO NATURALE
Attrezzati centri per lo sci di fondo, 150 chilometri di piste fra boschi e scenari dolomitici, nella valle che ha ospitato tre Campionati del Mondo di Sci Nordico. La Val di Fiemme è la palestra ideale per praticare lo sci nordico e per i più esperti c'è il percorso della Marcialonga con i suoi 70 km che posso essere suddivisi anche in più tappe, partendo da Moena e con arrivo a Cavalese, passando per Canazei e per tutti i centri delle due valli. Le altre giornate le passeremo sui tracciati del Passo di Lavazè e del Lago di Tesero. Una settimana imperdibile per gli amanti dello sci di fondo.
Ti piace questa vacanza?
CONTATTACI ORA
Dettaglio vacanza
Difficoltà: facile.
Partenze: 18/2.
Durata: da sabato pomeriggio a venerdì pomeriggio.
Quota individuale: € 570.
Comprende: sistemazione in hotel 3 stelle in camere doppie/triple, trattamento di mezza pensione con acqua al tavolo, accompagnatore e skitour guidati, ingresso per tutta la durata del soggiorno nel centro benessere (biosauna, bagno turco, sauna finlandese, bagni Kneipp, vasche per l’immersione fredda), deposito sci e scarponi riscaldato, wi-fi e assicurazione sanitaria e bagaglio.
Non comprende: viaggio, ingressi alle piste, tassa di soggiorno, bevande e quanto non specificato alla voce "Comprende".
Tassa di soggiorno: € 2 per persona a notte.
Supplemento singola: € 100.
Sistemazione: Park Hotel Azalea***S - Via delle Cesure 1 - 38033 Cavalese (TN). Le 34 camere colpiscono per l'armonia di colori e per i nomi che ricordano i fiori: azalea, gladiolo, viola. Qui è ripreso il gioco dell’alfabeto dei fiori che fa da filo conduttore in tutto l’albergo. Nelle camere il moderno incontra elementi classici del design e gli arredamenti sono realizzati con materiali naturali come il legno e il feltro. Dalle finestre lo sguardo spazia sulle montagne della Catena del Lagorai, del Corno Nero, fino alle Pale di San Martino. La cucina è sana e sostenibile: frutta e verdura biologiche, carne di produzione regionale acquistata dal macellaio di fiducia, pasta, pane e dolci fatti in casa utilizzando farine biologiche acquistate presso piccole aziende agricole o mulini che macinano ancora a pietra. Al rientro nel pomeriggio ci aspetta la pasticceria dell'albergo con prelibate leccornie fatte in casa, con una vasta scelta di tisane biologiche, rilassanti o digestive e le bibite Slow Food. Gli amanti della birra potranno testare il gusto dell'artigianale della Valle di Fiemme e per accompagnare il dopocena gli infusi locali e la grappa trentina. Maggiori info →
Partecipanti: massimo 25 persone.
Accompagnatore: uno dell'équipe di Jonas per tutta la durata del viaggio che coordina il gruppo e lo accompagna lungo i percorsi guidati previsti dal programma. E' esperto dei luoghi che si visitano e ci mette tutta la passione per farti vivere una vacanza speciale.
Vacanza adatta anche a: vegetariani e vegani.
Nota bene: spostamento da e per le piste con skibus gratuiti e a pagamento, con fermata nei pressi dell’albergo.
Sabato: dal pomeriggio arrivo in ordine sparso in hotel e sistemazione nella proprie camere. Prima di cena ci concediamo un po’ di riposo rigenerante nel centro benessere dell’albergo tra biosauna, bagno turco, sauna finlandese, bagni Kneipp e vasche per l’immersione fredda. Incontro con l'accompagnatore e cena in compagnia; briefing sulla vacanza che ci attende e pernottamento.
Domenica: dopo colazione, primo percorso di fondo con accompagnatore. Raggiungiamo insieme il Lago di Tesero dove da oltre 50 anni vengono allestite le piste per lo sci di fondo. Nonostante i soli 850 m di altitudine l’apertura del centro avviene da dicembre alla metà di marzo grazie ad una solida esperienza nella produzione della neve programmata e a uno dei più potenti impianti di innevamento artificiale. Gli impianti del Lago di Tesero offrono una grande varietà di tracciati divisi in numerosi settori; inoltre, il collegamento con la pista della Marcialonga garantisce la possibilità di avere altri tracciati quasi totalmente pianeggianti, sia in direzione Predazzo che nella direzione opposta. Cena tipica e serata a spasso per le vie di Cavalese.
Lunedì: dopo la bio-colazione raggiungiamo il tracciato della Marcialonga, si tratta di uno dei percorsi più famosi d’Europa e offre la possibilità di sciare su di un percorso con poco dislivello che può essere diviso in più settori partendo dal punto più basso, a 800 metri sul livello del mare di Molina di Fiemme, fino ad arrivare ai 1.200 metri di Moena. Oggi possiamo dedicarci al settore che da Moena va in direzione di Cavalese passando per località quali Forno, Predazzo e Ziano. Nel pomeriggio rientriamo all’albergo per tuffarci nel centro benessere. Cena e serata in compagnia.
Martedì: la terza giornata sugli sci la passeremo nel centro fondo di Passo Lavazè, da sempre punto di riferimento per chi ama lo sci di fondo. Dal Passo di Lavazè si diramano una serie di itinerari in grado di soddisfare sia lo sciatore esperto che il principiante. Consigliamo il percorso Torbiera: i primi 2,5 km si percorrono su un tracciato non troppo tecnico, dolcemente sinuoso, che segue i morbidi profili degli avvallamenti che caratterizzano l’altipiano. Si prosegue poi nel bosco su una discesa mediamente impegnativa al termine della quale iniziano alcuni sali-scendi fino ad arrivare al lungo tratto in salita che riporta sulla soleggiata pista Campiol verso l’entrata del centro del fondo. Tutto esposto al sole permette agli sportivi o ai semplici “escursionisti sugli sci stretti” di godere di un panorama mozzafiato sul Corno Bianco, sul Corno Nero e sulle Dolomiti del Latemar, Patrimonio Unesco dell’Umanità. Prima di cena ci gustiamo una meritata sauna.
Mercoledì: dopo una ricca colazione si torna tra le piste di Marcialonga. Raggiungiamo Ziano di Fiemme, il paese dei campioni olimpici di fondo come i fratelli Bice e Giorgio Vanzetta, Giulio Deflorian e Antonella Confortola. Da lì iniziamo un leggero e soleggiato falsopiano che porta fino a Predazzo. A questo punto, gambe e fiato permettendo, si può proseguire, in leggera salita verso la Val di Fassa dove, come prima meta, si raggiunge Moena. Per gustare degli splendidi panorami dolomitici possiamo salire ancora un po’ in direzione Canazei. Se invece abbiamo voglia di rilassarci un po’ e di raggiungere il centro benessere dell’hotel ripercorrendo la stessa pista, ma questa volta in discesa, si rientra piano, piano verso Lago di Tesero. Ci aspettano percorsi che entrano ed escono dal bosco e ci avvicinano ai colori ed ai profumi di una natura chiara ed incontaminata. Cena e serata in compagnia.
Giovedì: bio-colazione rigenerante per l’ultima giornata di fondo! Ci attende una bella giornata di sci da spendere nella zona del Passo di Lavazè: possiamo cimentarci in uno dei due tour circolari che il centro offre, il tour della Malga Ora oppure quello della Malga Costa. Un’esperienza da fare in compagnia per una sciata assolutamente fantastica durante la quale il silenzio di quest’area sarà interrotto solamente dal fruscio degli sci che scorrono veloci sotto i piedi. Si tratta di due tracciati più tecnici ed impegnativi (circa 8 km) che si snodano tra i rigogliosi boschi di conifere e alternano lunghi tratti di salita a lunghi tratti in discesa. Uno scenario dolomitico emozionante. Lungo il percorso è possibile fermarsi per qualche sosta golosa in una delle tipiche malghe della zona. Rientro nel tardo pomeriggio per rilassarci nel centro benessere tra tisane e infusi biologici. Dopo cena serata a Cavalese per brindare a questa bella vacanza.
Venerdì: dopo colazione saluti e partenza. Arrivederci belle Dolomiti!
Importante: il programma potrà subire variazioni in relazione alle condizioni atmosferiche e/o su indicazione da parte dell'accompagnatore.
Auto: A22 Brennero, uscita Ora e direzione Cavalese, circa 25 km.
Treno: fino a Ora, poi bus per Cavalese con autolinee SAD
NORME DI COMPORTAMENTO PER I FONDISTI
1. Rispettare gli altri
Lo sciatore fondista deve comportarsi in modo da non mettere in pericolo l’incolumità di altri sciatori e specialmente i meno preparati.
2. Rispettare la segnaletica
Il fondista deve rispettare la delimitazione della pista e la segnaletica. Su binari deve seguire con attenzione il senso di marcia, la direzione e la tecnica indicati.
3. La traccia da seguire
Se la pista è battuta a più binari, lo sciatore deve utilizzare la pista a destra. Nel caso di sciatori in gruppo, procedere sempre in fila sulla pista di destra.
4. Sorpasso
Il sorpasso si può effettuare sia a destra che a sinistra, purché non si rechi danno ad alcuno. Lo sciatore che sta davanti non è tenuto a cedere il passo; dove possibile deve tuttavia concedere la possibilità di essere superato da uno sciatore che procede a velocità più sostenuta.
5. Incrocio
In caso di incrocio su piste a doppio senso di marcia, gli sciatori debbono sempre tenere la destra. Chi scende ha la precedenza su quello chi sale.
6. Bastoncini
Il fondista, quando incrocia o supera un altro sciatore, specialmente in discesa, deve tenere i bastoncini ben vicini al corpo.
7. Controllo della velocità
Il fondista, soprattutto se in discesa, deve adattare la velocità alle sue capacità, alle condizioni generali del terreno, a quelle della visibilità e al traffico sulla pista. Deve inoltre mantenere sempre una distanza di sicurezza dagli altri sciatori che lo precedono. In caso di impedimento improvviso a procedere, una caduta intenzionale può benissimo servire ad evitare la collisione.
8. Sosta e caduta
La sosta deve essere effettuata fuori dai binari e dalla pista. Lo sciatore, in caso di caduta, deve lasciare libera la pista il più presto possibile spostandosi dalla traccia.
9. Soccorso in caso di infortunio in pista
In caso di incidente, ognuno deve prestare soccorso ed assistenza.
10. Identificazione
Chiunque sia coinvolto in un incidente, anche se non ne è responsabile ma ne è stato testimone, è tenuto a fornire le proprie generalità.
11. Rispetto dell’ambiente e delle piste
Il fondista educato non abbandona mai rifiuti sulla pista e non danneggia l’ambiente. La traccia non deve essere rovinata, camminando senza sci, con sci da discesa, con slitte o altri mezzi.
12. Gara in corso
Se sul percorso è in svolgimento una competizione organizzata, lasciare libera la pista fino al termine della gara.
"Staff dell'hotel sempre sorridente e molto disponibile. Ottima la zona SPA per rilassarsi dopo la giornata sugli sci e colazione fantastica con tanti prodotti genuini e gustosi. Gruppo piccolo ma affiatato."
Carlo da Livorno

"Complimenti per l'organizzazione: hotel pulito e personale cordiale, accompagnatore sempre disponibile con una grande passione per questo sport. Un'ottima iniziativa per staccare la spina con un po' di sci di fondo e di relax presso la SPA dell'hotel"
Giorgia di Trieste

"Accompagnatore professionale e simpatico: è riuscito a mettere insieme anche persone con livelli con po' diversi senza problemi. Mi sono trovata bene anche in hotel. Pasti ottimi preparati con prodotti tipici e ricercati: non il solito hotel di montagna!"
Silvia di Milano
Dettaglio vacanza
Difficoltà: facile.
Partenze: 18/2.
Durata: da sabato pomeriggio a venerdì pomeriggio.
Quota individuale: € 570.
Comprende: sistemazione in hotel 3 stelle in camere doppie/triple, trattamento di mezza pensione con acqua al tavolo, accompagnatore e skitour guidati, ingresso per tutta la durata del soggiorno nel centro benessere (biosauna, bagno turco, sauna finlandese, bagni Kneipp, vasche per l’immersione fredda), deposito sci e scarponi riscaldato, wi-fi e assicurazione sanitaria e bagaglio.
Non comprende: viaggio, ingressi alle piste, tassa di soggiorno, bevande e quanto non specificato alla voce "Comprende".
Tassa di soggiorno: € 2 per persona a notte.
Supplemento singola: € 100.
Sistemazione: Park Hotel Azalea***S - Via delle Cesure 1 - 38033 Cavalese (TN). Le 34 camere colpiscono per l'armonia di colori e per i nomi che ricordano i fiori: azalea, gladiolo, viola. Qui è ripreso il gioco dell’alfabeto dei fiori che fa da filo conduttore in tutto l’albergo. Nelle camere il moderno incontra elementi classici del design e gli arredamenti sono realizzati con materiali naturali come il legno e il feltro. Dalle finestre lo sguardo spazia sulle montagne della Catena del Lagorai, del Corno Nero, fino alle Pale di San Martino. La cucina è sana e sostenibile: frutta e verdura biologiche, carne di produzione regionale acquistata dal macellaio di fiducia, pasta, pane e dolci fatti in casa utilizzando farine biologiche acquistate presso piccole aziende agricole o mulini che macinano ancora a pietra. Al rientro nel pomeriggio ci aspetta la pasticceria dell'albergo con prelibate leccornie fatte in casa, con una vasta scelta di tisane biologiche, rilassanti o digestive e le bibite Slow Food. Gli amanti della birra potranno testare il gusto dell'artigianale della Valle di Fiemme e per accompagnare il dopocena gli infusi locali e la grappa trentina. Maggiori info →
Partecipanti: massimo 25 persone.
Accompagnatore: uno dell'équipe di Jonas per tutta la durata del viaggio che coordina il gruppo e lo accompagna lungo i percorsi guidati previsti dal programma. E' esperto dei luoghi che si visitano e ci mette tutta la passione per farti vivere una vacanza speciale.
Vacanza adatta anche a: vegetariani e vegani.
Nota bene: spostamento da e per le piste con skibus gratuiti e a pagamento, con fermata nei pressi dell’albergo.