Stile di vita: Grande classico

Festività a Sorrento: caicco e trekking al profumo d’agrumi

Le festività quest’anno trascorrile nella Penisola Sorrentina in un modo diverso dal solito. Durante la notte a bordo del nostro caicco e ogni giorno una tappa diversa per scoprire coltivazioni di limoni, sentieri nei boschi e meravigliosi panorami nel golfo di Napoli.
Durata
5 giorni e 4 notti
Partenze
Date
Partenza in base alla data di partenza
da € 520 per persona

Se sei indeciso tra mare o montagna, scegli la Penisola Sorrentina con trekking tra roccia e acqua alle pendici del Monte Faito e navigazioni lungocosta a bordo di un meraviglioso caicco. Incontrerai pittoreschi borghi storici e colline coltivate ad ulivi e limoni, che ti avvolgeranno con il loro profumo in una mite ed eterna primavera. Fatti travolgere da colori, folklore e tanta buona cucina: è quello che ci vuole per queste festività!

Primo giorno:

intorno alle ore 18 imbarco nel porto di Castellamare di Stabia, rinomata meta turistica incastonata al centro del Golfo di Napoli tra la zona vesuviana e l'inizio della Penisola Sorrentina. Prendiamo possesso delle nostre cabine e appena il gruppo si è riunito siamo pronti per la cena con le delizie tipiche della cucina partenopea come mozzarella, pomodori, vino campano, limoncello e quant'altro ci verrà in mente. In serata passeggiata digestiva in centro.

Secondo giorno:

dopo la colazione a bordo scendiamo a terra e percorriamo alcune stradine tipiche di quello che un tempo era il quartiere dei pescatori di Castellammare di Stabia. Raggiungiamo il piccolo borgo di Pozzano, sede dell'omonima basilica dal cui belvedere possiamo gettare uno sguardo sul Golfo di Napoli e sui sottostanti cantieri navali di Stabia. E' da questo punto che il nostro cammino coincide con quella che i romani chiamarono Via Minerva: per lungo tempo unico collegamento tra piana vesuviana e penisola sorrentina. Proseguiamo lungo le pendici del Monte Faito, prima su strada e poi su mulattiera, penetrando in un folto bosco interrotto prima dal maestoso canyon noto come “la mandria”, poi dal Currione, un pianoro un tempo coltivato ed ora ricoperto di felci e rovi. Da questo punto in poi il nostro itinerario è prevalentemente in discesa su mulattiera. Giunti nel territorio comunale di Vico Equense ci dirigeremo presso il convento di San Francesco lungo la Via dei Mulini dove vigneti, uliveti, frutteti fanno la loro comparsa, mentre il nostro itinerario piega decisamente in discesa, aprendosi al panorama sottostante e conducendoci ripidamente al Santuario di Santa Maria del Toro, punto terminale della nostra passeggiata. A questo punto a seconda del meteo e del tempo a nostra disposizione potremo scegliere se prendere subito il treno che in dieci minuti ci riporterà a Castellammare di Stabia oppure concederci un gelato, tipico prodotto vicano, prima di rientrare alla base. Cena a bordo e serata in compagnia.

Terzo giorno:

quest'oggi continueremo la nostra “insolita” esplorazione della Penisola Sorrentina seguendo un itinerario urbano/rurale nel territorio a confine tra i comuni di Sorrento e di Massa Lubrense. Fatta colazione raggiungiamo la stazione della Circumvesuviana e prendiamo il treno ci condurrà al punto di partenza della nostra passeggiata. Da qui prendiamo la lunga gradinata detta di Sant'Antonio che ci consente di salire subito in collina raggiungendo il borgo di Priora immerso nel verde delle coltivazioni di limoni e ulivi. Nell'arco di poche centinaia di metri, tra i profumi d’agrumi, il brusio della città ci lascerà a favore del silenzio della campagna, interrotto soltanto dagli Apecar dei contadini locali. Giunti al breve incrocio con la statale pieghiamo in discesa in direzione della località Prasiano. Proseguiamo verso la località San Francesco attraversando il caratteristico borgo, dove tutto pare si sia piacevolmente fermato al tempo che fu. Transiteremo per il grazioso centro di Massa Lubrense, nostra meta intermedia. Un elegante belvedere ci offrirà un ultimo sguardo su Capri prima di cambiare nuovamente versante e riprendere la dolce ascesa alla collina, nel verde dei frutteti, in direzione di Monte Corbo e del grazioso Borgo Li Simoni. Da qui il nostro sguardo si apre sulle ultime e più elevate vette dei Monti Lattari e sulla sottostante piana di Sorrento, in direzione della quale cominciamo a discendere. I suoni della cittadina si fanno man mano più intensi, finché non ci ritroviamo tra le stradine dell'antico centro urbano. A questo punto, prima di rientrare, non ci rimane che approfittarne per visitare qualcuna delle storiche botteghe locali. Cena a bordo e serata in compagnia!

Quarto giorno:

oggi mattinata libera per tutti, allora dopo colazione a bordo siamo pronti per immergerci nel clima festivo della città. A Castellammare di Stabia è consuetudine trascorrere la mattinata tra le bancarelle caratteristiche. Il consiglio è quello di trovare una bel posticino dove fare un lungo aperitivo magari accompagnato da uno street food campano come pizza, bocconcini di mozzarella, frittata di pasta e chi più ne ha più ne metta. Nel pomeriggio rientro a bordo e iniziano i preparativi per la serata. Sciogliamo le ormeggi di andiamo verso il largo per goderci questa meravigliosa serata in rada. Per la data di Capodanno è prevista l'uscita in caicco per il Cenone in rada con vista fuochi e illminati dalle luci di Sorrento. Buon anno a tutti!

Quinto giorno:

colazione cullati dalle onde ed è già tempo di rientrare verso casa. Le poche ore di navigazione prima dell'arrivo in porto sono l'occasione migliore per aiutare il comandante al timone e sentire l'emozione del vento tra i capelli! Rientro a Castellammare nel tardo pomeriggio. Buon vento!

Importante:

il programma potrà subire variazioni in relazione alle condizioni meteo-marine e/o su indicazione da parte del comandante.

da € 520
per persona

Richiedi maggiori informazioni
o disponibilità per questa vacanza

Accetto ricevere la vostra newsletter Sì No
Mostra che sei umano scrivendo il testo dell'immagine:
Gli imperdibili

Gli imperdibili
  • essere a bordo di un caicco di più 23 m
  • trekking a Vico Equense e Sorrento
  • cene in rada a bordo del caicco

Codice vacanza: PON
Dove: Italia - Campania - Napoli
Sistemazione:

6 cabine doppie/triple, ognuna con proprio bagno.


Scopri il caicco
Imbarco/sbarco: Castellammare di Stabia - NA
Accompagnatore: : a bordo skipper e marinaio/cuoco e accompagnatore. Lo skipper é il comandante della barca nonché esperto dell'itinerario, per motivi di sicurezza le sue decisioni sulla navigazione sono insindacabili. Il marinaio aiuta lo skipper nelle manovre e nella gestione della barca e assieme agli ospiti organizza e collabora alle attività di cucina e di pulizia degli spazi comuni. L'accompagnatore è esperto dei luoghi, coordina ed segue il gruppo durante le escursioni.
Quota individuale: € 520.
Capodanno: € 560 Cenone incluso.
Comprende:

sistemazione in cabine doppie/triple, trattamento di mezza pensione, acque ai pasti, set monouso di lenzuola, coperta e federa, percorsi guidati, spostamenti previsti da programma, spese portuali, programma di navigazione, skipper, marinaio/cuoco e accompagnatore, tender, pulizie finali e assicurazione sanitaria e bagaglio.


Non comprende:

viaggio fino al luogo d’imbarco, carburante, bibite e vino ai pasti, le consumazioni al bar, pranzi e quanto non indicato alla voce comprende.


Gli imperdibili

Gli imperdibili
  • essere a bordo di un caicco di più 23 m
  • trekking a Vico Equense e Sorrento
  • cene in rada a bordo del caicco

da € 520
per persona