Stile di vita: Attiva

Trekking in Trentino nella magia dei boschi dei Lagorai

Una settimana di trekking tra le montagne del Trentino, nella catena dei Lagorai. Panorami incantevoli, tra laghi, vette e rifugi dove gustare i sapori dei piatti della tradizione.
Durata
7 giorni e 6 notti
Partenze
Date
Partenza Domenica
Vacanza adatta a

vegetariani

€ 620 per persona

Ti proponiamo un’esperienza nel TRENTINO orientale, lungo la catena dei Lagorai, una settimana in cui potrai entrare in contatto con la montagna, raggiungendo cime dai panorami mozzafiato che ti regaleranno nuovi punti di vista. Un'occasione per immergerti in un trekking unico nel suo genere grazie al susseguirsi di panorami e ambienti quasi opposti tra loro: camminerai tra fitti boschi, fino alle aspre vette passando per pascoli ricolmi di fiori e ruscelli.
Per non farti perdere la magia accumulata durante il giorno abbiamo pensato che ti sarebbe piaciuto dormire in un confortevole e accogliente rifugio con tutte le comodità.

Domenica:

arrivo a Roncegno Terme in serata, con sistemazione in rifugio. Prima di cena presentazione dei compagni di avventura e breve briefing sul programma dei giorni a seguire. Cena con piatti tipici e chiacchiere in compagnia.

Lunedì:

oggi ci aspetta un classico dei Lagorai orientali: il monte Gronlait, che con i suoi dolci pendii domina la Val dei Mocheni. Partiamo a piedi direttamente dal nostro rifugio seguendo la stradina asfaltata in direzione della Malga Fravort (1.560m). Imbocchiamo un sentiero che sale nei pressi del Lago delle Prese e che si inoltra nella Val Portelle. Le sconfinate distese di rododendri in fiore, che si alzano fino a lambire la vetta, conferiscono al luogo un fascino del tutto particolare. E’ un vero piacere camminare in questo giardino naturale. Si prosegue in salita lungo la valle fino a quando il sentiero giunge al Passo della Portela (2.152m). Proseguiamo percorrendo la dorsale del Monte Gronlait fino alla croce di vetta con ulteriori 230m di dislivello. Rientriamo in rifugio sullo stesso percorso.

Distanza, durata e dislivello: 14 km / 5:30 h. / + 991 m 

Martedì:

dopo colazione trasferimento fino al punto di partenza del nostro trekking, sono circa 20 minuti di macchina. La nostra settimana inizia con la salita alla cima del Monte Fravort: è una montagna appartenente alle Dolomiti di Fiemme e si colloca nella sua parte più meridionale, a chiudere verso est la Val dei Mocheni. Dal rifugio Erterle si segue la stradina asfaltata che prosegue alle spalle della struttura. Si imbocca velocemente una mulattiera con indicazione per Malga Masi. Si transita per la zona mineraria di Cinquevalli e si procede nella valletta che sale. Raggiungiamo così la bella ed ampia radura di Malga Masi (1.712m), procediamo poi salendo fino ai prati panoramici del Valico della Bassa (1.834m) e da qui percorriamo la lunga dorsale sud del Monte Fravort che, con ulteriori 500m di dislivello, conduce alla sua vetta. Ci gustiamo il panorama, dopodiché possiamo rientrare in rifugio per rifocillarci e riposarci prima di cena.

 Distanza, durata e dislivello: 12 km / 4:30 h. / + 1.052 m 

Mercoledì:

giornata libera. Consigliamo la visita al Lago di Levico, il secondo lago più esteso della Valsugana: i laghi della Valsugana sono stati nuovamente premiati a livello internazionale per la qualità delle acque di balneazione. Passeggiate, spiagge e centri termali: al Lago di Levico e a Levico Terme la quiete e il relax sono i protagonisti assoluti.

Giovedì:

dopo colazione iniziamo il percorso circolare che ci porterà ad aggirare in senso antiorario i Monti Cola e Hoabonti, alla scoperta di prati rigonfi di fiori, punteggiati da piccoli laghi montani e scolpiti da torrenti di acque limpide. Attraverso sentieri in facile salita arriviamo nella Val Larga, magnifico anfiteatro sotto la cima del Monte Cola. Lasciata a sinistra la deviazione per il Monte Cola e aggirato il Col Chelder, perdiamo qualche decina di metri di quota, ma lo spettacolo non cambia. Rododendri a perdita d’occhio anche nella Busa di Casa Pinello. Poco oltre, il sentiero accentua la sua pendenza e aggira da nord il Monte Cola. Un segmento di sentiero in costa, che precede l’avvallamento col primo dei Sette Laghi, consente di arrivare al Passo del Lago salendo per qualche minuto verso nord-est, possiamo godere di una visione aerea del Lago Erdemolo, duecento metri più in basso rispetto a noi. Dopo una sosta per il pranzo al sacco, rientriamo dallo stesso sentiero per poi prendere una deviazione che ci porterà alla Malga Casapinello, dove potremo mangiare e riposarci prima di riprendere la strada verso il nostro rifugio.

Distanza, durata e dislivello: 16 km / 5:30 h. / + 1.000 m 

Venerdì:

dopo colazione trasferimento in auto nei pressi dell’Arte Sella, nel comune di Borgo Valsugana. L’Arte Sella è un luogo dove da più di trent’anni la montagna incontra l’arte contemporanea. Arte e natura si fondono in un dialogo continuo, in cui artisti provenienti da tutto il mondo sono invitati a incontrare la Val di Sella per realizzare opere che traggono nutrimento dalla storia e dalla natura uniche del luogo. Un trekking, quindi, che si snoderà tra boschi ed opere artistiche, con la possibilità di immergersi in un ampio parco alla scoperta di opere monumentali, per un connubio unico nel suo stile. Al termine della visita al parco principale pranziamo presso Malga Costa che si trova appena fuori il parco stesso per poi tranquillamente rientrare in rifugio.

Sabato:

dopo colazione ci salutiamo e ci diamo appuntamento alla prossima vacanza insieme.

Importante:

il programma potrà subire variazioni in relazione alle condizioni atmosferiche e/o su indicazione da parte dell'accompagnatore.

€ 620
per persona

Richiedi maggiori informazioni
o disponibilità per questa vacanza

Accetto ricevere la vostra newsletter Sì No
Perché Attiva

Perché Attiva
  • i panorami dal Gronlait e Fravort
  • sentieri tra i rododendri in fiore
  • rifugio a 1.640 metri

Codice vacanza: LAG19
Dove: Catena dei Lagorai - Trentino Alto Adige - Italia
Sistemazione:

Rifugio Serot a Roncegno Terme (TN). Ospitato in un edificio in legno e pietra, sulla Catena del Lagorai, a un'altitudine di 1.640 metri, il Rifugio Serot offre una splendida vista sul Monte Ortigara e sul Pizzo di Levico.


Scopri il rifugio
Accompagnatore: uno del team Jonas per tutta la durata del viaggio che coordina il gruppo e lo accompagna lungo i percorsi guidati previsti dal programma. Esperto dei luoghi che si visitano e ci mette tutta la passione per farti vivere una vacanza speciale.
Quota individuale: € 620.
Supplemento singola:

su richiesta. Trattandosi di rifugio le camere singole non esistono, si tratta di doppia uso singola.


Comprende:

sistemazione in rifugio in camerate condivise con bagno, trattamento di mezza pensione, percorsi guidati, accompagnatore e assicurazione sanitaria e bagaglio.


Non comprende:

viaggio, bevande, pranzi, tassa di soggiorno ove prevista e quanto non specificato alla voce "Comprende".


Vacanza adatta anche a:

vegetariani


Nota bene:

Ricordati di portare uno zaino, scarpe tecniche per il trekking, se le possiedi, le racchette da nordic walking e un costume. Buona  cosa portarsi nello zaino viveri per un pranzo veloce al sacco, come frutta fresca e secca, barrette energetiche o prodotti da forno come crackers, gallette, grissini.


Perché Attiva

Perché Attiva
  • i panorami dal Gronlait e Fravort
  • sentieri tra i rododendri in fiore
  • rifugio a 1.640 metri

€ 620
per persona