Senegal: dove il deserto incontra l'oceano - Jonas

Nella Natura

Senegal: dove il deserto incontra l'oceano

Un viaggio responsabile nell’Africa vera, alla scoperta della natura rigogliosa e della cultura ricca ed accogliente, con l'emozione di trascorrere la notte nel deserto.

Il Senegal è vicino, in poche ore di volo sei nel continente africano, accolto dalla “Teranga”, la colorita accoglienza senegalese. Passando tra modernità e vestigia coloniali delle grandi città saheliane, ti innamorerai delle lagune, spiagge, dei tramonti dai colori indimenticabili, delle tradizioni e dei tanti sorrisi che ti accompagneranno in questo viaggio lungo la costa prima a sud di Dakar, poi verso nord. Con l’emozione di trascorrere due notti tra le dune dorate del deserto di Lompoul, sotto un cielo generoso di stelle ed una tazza di tè in mano.
Codice Viaggio SENTK
Durata 9 giorni 7 notti
Date
Da definire
Partenza in base alla data di partenza
A persona

€ 1050

Chiedi info.
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e la  Privacy Policy  e  Terms of Service  di Google.

Programma

Primo giorno
arrivo nel nuovo aeroporto di Dakar, nei pressi della città di Thies. In uscita dall'aeroporto è previsto l' incontro con la guida locale. Trasferimento e sistemazione in hotel al villaggio di La Somone, sulle spiagge tropicali della Petite Cote. Già durante il tragitto dall'aeroporto, avvertiremo l'aria sub-sahariana e l'euforica e calda accoglienza senegalese, la cosiddetta Teranga. Si intuisce che ci si trova in una terra dove la maniera di relazionarsi tra le persone segue regole molto diverse dalle nostre, ma non sarà difficile approcciarsi alla nuova cultura: i modi di comunicazione sono i più svariati e divertenti!
Secondo giorno
giornata relax in spiaggia o in laguna a La Somone. Prendiamo lentamente i ritmi di questa terra. Somone è il posto ideale per muoversi in libertà ed esplorare i dintorni. La guida sarà pronta ad orientarci tra le varie possibilità di escursioni facoltative, come ad esempio un'escursione a bordo di un calesse tra le mangrovie lagunari nella foresta sacra della zona, silenziosa ed imponente come i suoi maestosi alberi secolari: i baobab! Arrivando all'Allabi, terra considerata mistica dagli africani, arriviamo al Baobab Sacro, il cui tronco orizzontale, scavato all'interno, è diventato un rifugio per contadini o viandanti. L'orizzonte è a 360° e la profondità dello spazio assume un ruolo fondamentale alla percezione dei sensi. Ci ritroviamo in hotel per la cena.
Terzo giorno
dopo colazione partiamo verso sud, per raggiungere la splendida località di Joal-Fadiout, l'isola delle conchiglie. Il villaggio è stato costruito su di una montagna di gusci di molluschi. Tutto qui è fatto di conchiglie, creando un'atmosfera quasi surreale. L'isola è anche un esempio di convivenza pacifica tra cristiani e musulmani. Visitiamo l'isola e un'associazione di donne riunite nella raccolta sostenibile dei molluschi in laguna e impegnate nella trasformazione dei prodotti alieutici e agricoli. Pernottamento e cena in albergo.
Quarto giorno
lasciamo l'orizzonte dell'oceano per risalire la savana verso nord e raggiungere Saint Louis, percorrendo la strada che attraversa la vibrante cittadina di Thies. Dopo una breve sosta si riprende il viaggio volgendo lo sguardo verso nord, al confine con la Mauritania, segnato dal Grande Fiume Senegal, sul cui estuario sorge una delle città più importanti dell'Africa Occidentale: Saint Louis. Possiamo procedere a piedi ma è decisamente più fresco e comodo salire a bordo degli ombreggiati calessi. Sarà una guida locale ad illustrare i luoghi storici e gli avvenimenti ad essi legati. Pranzo libero e pomeriggio in libertà per raggiungere i mercati più interessanti visti durante la visita panoramica, o per esplorare in autonomia. La sera ceniamo in un ristorante consigliato dalla guida locale per far assaporare le specialità tradizionali del posto.
Quinto giorno
nei dintorni di Saint Louis si trova uno dei parchi naturali più interessanti del Senegal: il Parco di Dioudj, considerato la terza riserva ornitologica al mondo. Inserito tra i Patrimoni dell’umanità dell’Unesco Il parco Djoudj si estende per 16 mila ettari di terreno umido tra fiume e mare a cui approdano almeno 400 specie di uccelli migratori, mentre sulle rive si intravedono anche coccodrilli e boa. A bordo di una tipica piroga senegalese navigheremo in una specie di grande lago tra avvistamenti e natura generosa. La sera ritorniamo in città e ci sarà sicuramente ancora energia per festeggiare insieme decidendo di uscire a cena in uno dei tanti particolari locali dove si può ascoltare musica dal vivo. Ecco perché non è fissato nulla nelle righe di questo itinerario, meglio decidere come vivere questo momento ‘lì e allora’!
Sesto giorno
oggi l'itinerario ci porta al villaggio di Lompoul e nel deserto dalle dune dorate. Nel pieno del Sahel dell’Africa Sub sahariana il paesaggio assume le stesse connotazioni del Sahara e le alte dune di sabbia si estendono a perdita d’occhio alternandosi a piccole oasi verdi, talvolta coltivate. Ci incamminiamo a ritmo di dromedario verso orizzonti infuocati, passando lungo i sentieri che uniscono un’oasi all’altra, visitando alcuni progetti delle associazioni locali legati alla coltivazione di ortaggi. Cena al campo e tè sotto le stelle. Dormiremo fra le dune, nelle vicinanze di una di queste oasi in un campo dalla magica atmosfera, attrezzato di tende con letti e servizi privati.
Settimo giorno
risvegliarsi la mattina al cospetto del deserto è un toccasana per l’anima e per una maggiore consapevolezza di sé stessi! Lasciamo sfumare le dune di Lompoul, mentre a breve distanza iniziamo a intravedere il singolare e salatissimo Lago Retba, o lago Rosa, dalla particolare colorazione magenta, dovuta alla presenza di particolari microrganismi attirati in superficie dalla luca del sole. Qui il sale viene raccolto dagli abitanti, caricato sulle barche, ammucchiato e messo in vendita sulle sponde del lago. Pranzo libero in uno dei ristorantini all'ombra dei banani, prima di proseguire verso la capitale e una delle città più importanti del continente africano: Dakar, la capitale del Senegal, affollata ma affascinante. Lungo la Corniche, la lunga strada che, come suggerisce il nome, fa da cornice al mare, i negozi di artigianato locale si alternano ad affascinanti monumenti: visiteremo alcuni dei mercati più antichi nel cuore della città. Con una breve traversata in piroga raggiungiamo l'isola di Gorè, da cui è partita la maggior parte degli schiavi verso le Americhe. Pranzo libero sull'isola. Rientriamo poi a Dakar per la cena.
Ottavo giorno
dopo un'ottima colazione e aver rimesso in ordine i bagagli ci si dedica a un'ultima interessante visita ai mercatini storici e tradizionali nel cuore di Dakar, prima del trasferimento in aeroporto per l’imbarco sul il volo di rientro in Italia.
Nono giorno
arrivo in Italia.

Dettagli del viaggio

Dove
Senegal
Sistemazione
Hotel o bungalow, campo tendato nel deserto
gli indirizzi delle sistemazioni saranno forniti a prenotazione avvenuta.
Accompagnatore
Uno del team Jonas per tutta la durata del viaggio che coordina il gruppo e lo accompagna durante la vacanza. Conosce la lingua locale, è esperto dei luoghi che si visitano.
Quote
Quota individuale: € 1050
Comprende
sistemazione in camere doppie con servizi privati, trattamento di mezza pensione con colazioni e 4 cene, trasferimenti con autista, percorsi guidati, accompagnatore/interprete, assicurazione sanitaria e bagaglio.
Non comprende
volo a/r per Dakar, pranzi e due cene, bevande, escursioni facoltative, eventuali mance e quanto non espressamente indicato alla voce "Comprende".
Note
Documenti: passaporto necessario, con validità residua di almeno sei mesi.
Importante: il programma potrebbe subire variazioni in relazione alle condizioni atmosferiche, variazioni della viabilità, turni di chiusura e/o su indicazione da parte dell'accompagnatore.
Codice Viaggio SENTK
Durata 9 giorni 7 notti
Date
Da definire
Partenza in base alla data di partenza
A persona

€ 1050

Chiedi info.
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e la  Privacy Policy  e  Terms of Service  di Google.

Altre idee di viaggio